22/12/08

Chi piu' spende, meno spende?

Gia' l'On. Carlucci e' stata citata su questo blog quando si cimentava con la fisica delle particelle. Ora leggo, grazie alla mia amica Annarella, che ci vuole convincere che i "pirati informatici", ovvero gli odierni emuli dei protagonisti del Boston Tea Party, non solo infrangono la legge e impoveriscono le povere case discografiche e cinematografiche, porelle, e fanno piangere la madonna, ma oltretutto sono dei cretini che spendono piu' di quanto spenderebbero comprando film e dischi. Leggere per credere. [LINK]

3 commenti:

rosalux ha detto...

Non sembra veramente possibile arrivare a tanto.

Anonimo ha detto...

'A questo costo, che definiamo iniziale, bisogna aggiungere l’ usura cui il computer va incontro a causa di un uso intenso e prolungato'.


Un rischio che il cervello dell'On Carlucci non credo correra' mai.

Yossarian

Anonimo ha detto...

Inoltre, lo sanno tutti che il crac dell'economia mondiale e' stato causato dai teenager che scaricano musica illegalmente.

Ma perche' invece di farsi i cazzi 'informatici' miei e di tanti altri, i governi USA, UK e l'On Carlucci non si fanno quelli di eminenti 'colonne portanti della societa' come Lehman Brothers e Mr Madoff?


Yossarian