11/05/10

11 Maggio 1860: i Mille sbarcano a Marsala

4 commenti:

LateThink ha detto...

E noi di Bergamo c'eravamo.

Il fatto poi che la Lega sia nata da queste parti nonostante Bergamo abbia nello stemma cittadino la scritta "Città dei Mille" (riferito proprio alla percentuale di bergamaschi nella spedizione, anche se più leggenda che realtà) è uno dei bellissimi paradossi della storia.

A meno di leggere la scritta sul gonfalone cittadino come: "Bergamo città dei mille: mille bergamaschi ed il resto terroni". :-))

P.S. mia moglie è del profondo sud percui non datemi del razzista, leghista, buzzurro, xenofobo, sbroc... sbroc... sbroc...

Palmiro Pangloss ha detto...

Beh non è mica una leggenda: bergamaschi e bresciani erano presenti in maniera largamente sproporzionata. Così come, nella più pura tradizione jeffersoniana, erano artigiani o negozianti. Ovvero partite IVA del profondo nord... come il leghista archetipico. Vedi ad esempio qui:
http://cronologia.leonardo.it/storia/biografie/garibal7.htm

LateThink ha detto...

Conoscevo già il link che mi hai passato in quanto ci sono un paio di nomi che dovrebbero appartenere al mio ramo familiare e avevo fatto ricerche in proposito.

Quando parlavo di "leggenda" mi riferivo alla vulgata turistica che crede che Bergamo sia partita in massa alla conquista del Sud.

Quanto al paradosso non era tanto nel fatto che i Mille fossero gli antenati dei leghisti, ma che siano andati a prendersi i "terroni" invece che lasciarli dove erano.

Ovviamente non stiamo facendo una discussione storica seria ma cazzeggio da bar. In caso contrario le cose sarebbero molto più complesse da esporre...

London Alcatraz ha detto...

Bene, bene , bravo Palmiro.

Ricordiamo.

:-)

Yoss